PrivatiSala StampaComunicati StampaPosteMobile compie un anno 670 mila clienti

9 Dicembre 2008

StampaPDFFacebook

PosteMobile compie un anno: 670 mila clienti

L’83% dei clienti usa i servizi di pagamento e trasferimento fondi: movimentati 17 milioni di euro in sei mesi
Da oggi parte il piano “500 Con Tutti”


Roma, 9 dicembre 2008 – A un anno dalla nascita e a soli sei mesi dal lancio dei primi servizi dispositivi associati al conto BancoPosta o alla Postepay, PosteMobile l’operatore di telefonia mobile di Poste Italiane ha al suo attivo oltre seicentosettantamila clienti e 2 milioni di transazioni eseguite dal telefonino con una movimentazione di denaro pari a 17 milioni di euro tra pagamenti e trasferimento fondi.
I numeri di PosteMobile testimoniano il successo decretato dai consumatori alla esclusiva gamma di servizi disponibili con la SIM di PosteMobile e l’apprezzamento per l’innovativa integrazione tra telefonia e servizi postali e finanziari, che hanno trasformato il cellulare da semplice strumento di comunicazione in movimento in un autentico “portafoglio elettronico”.

L’83% dei clienti lo usa anche per pagare
Il traguardo raggiunto da Poste Mobile è davvero rilevante in un mercato molto complesso come quello della telefonia: su oltre 670mila SIM vendute, l’83% dei clienti che ha acquistato la SIM l’ha associata al conto BancoPosta e/o alla carta Postepay. Ancora una volta i clienti hanno apprezzato le proposte innovative di Poste Italiane e ne hanno premiato la “rivoluzione” tecnologica nel settore della telefonia mobile”. La SIM che permette di fare anche trasferimenti di denaro e pagamenti piace soprattutto ai clienti tra i 30 e i 50 anni (25%) e nelle grandi città: prima Roma, con una quota pari all’8% sul totale, seguita da Milano (6%), Napoli, Torino e Bari. Circa il 15% dei clienti sono di nazionalità straniera di recente immigrazione e a hanno scelto PosteMobile per la conveniente opzione tariffaria Con il Mio Paese che consente di chiamare uno dei 26 paesi a scelta previsti dal piano a soli 16 cent al minuto e un numero di rete fissa per Croazia, Polonia, Romania, Russia, Ucraina a soli 8 cent al minuto.

I servizi innovativi e convenienza
Con la SIM PosteMobile è possibile pagare bollettini di conto corrente, spedire telegrammi, effettuare bonifici, trasferire denaro da e verso carte Postepay, controllare il credito residuo e ricaricare la SIM addebitando il costo sul conto BancoPosta o sulla Postepay; controllare il saldo e gli ultimi tre movimenti del conto corrente o della Postepay associati alla SIM. Tutti servizi che si affiancano a tariffe tra le più convenienti sul mercato per i servizi di telefonia. Da oggi è sul mercato il piano “500 Con Tutti”, che a fronte di 7 euro al mese per chi associa la SIM al conto BancoPosta o alla Postepay (e 9 euro al mese per chi non associa) offre 500 minuti verso PosteMobile e 500 minuti verso rete fissa a 0 cent/min + 500 minuti verso altri operatori a 12 cent/min per il traffico voce. In più 500 sms verso PosteMobile a 0 cent. mentre gli SMS verso gli altri operatori costano 12 cent. Terminati i bonus di traffico inclusi nel pacchetto, il cliente pagherà 16 cent al minuto i restanti minuti di conversazione 12 cent gli SMS verso tutti.

Pioniere europeo nella tecnologia
Per garantire la massima sicurezza delle transazioni effettuate col cellulare, il gestore telefonico del Gruppo Poste Italiane ha realizzato un meccanismo di garanzia all’avanguardia a tutela del consumatore. In particolare, la tecnologia adottata permette di sapere in tempo reale chi e in quale momento ha eseguito l’operazione e da quale telefonino è stato inviato l’ordine di esecuzione della transazione. Ciò è reso possibile dal fatto che ciascuna SIM è dotata di una chiave unica diversa da utente a utente che consente di tracciare esattamente ogni operazione e la macchina da cui è partita. La combinazione di competenze specifiche e di know how esclusivo di PosteMobile coniugata con la capacità di integrazione con i servizi BancoPosta rappresenta tra l’altro una case history di successo anche per i tempi di progettazione e attuazione dei servizi a valore aggiunto sul telefonino.